Codice etico

La collaborazione con "Storia della Campania" è aperta a tutti coloro che condividano gli scopi e gli ideali dell'iniziativa (descritti nella home page di questo sito).
Ogni contributo proposto per "Storia della Campania" è sottoposto al vaglio del comitato editoriale e di uno o due revisori (a seconda del tipo e della consistenza della voce), competente/i sulle tematiche trattate. Nella scelta dei revisori è posta attenzione al fatto che essi non abbiano rapporti personali/professionali riconducibili a strette collaborazioni, parentela/affinità fino al quarto grado, forte amicizia o inimicizia con l'autore/gli autori della voce sottoposta ad esame. Se la valutazione è pienamente positiva il contributo è accolto. Se la valutazione è solo parzialmente positiva, possono essere richieste all'autore integrazioni, modifiche, correzioni. Se la valutazione è negativa il contributo proposto non è accettato per la pubblicazione.
Data la caratteristica "evolutiva" e di work in progress di "Storia della Campania", dopo che un testo è accettato e pubblicato, l'autore gode della piena fiducia del comitato editoriale e può intervenire in ogni momento su di esso per piccole integrazioni e aggiornamenti (in prima persona, attraverso gli strumenti di editing on line, oppure segnalando le modifiche da effettuarsi al comitato editoriale e redazionale).
Gli eventuali testi redazionali (firmati "Redazione") hanno un carattere particolare, che rispecchia la fisionomia "evolutiva" del progetto: sono da considerarsi provvisori; se un autore esterno al comitato editoriale e redazionale è interessato a intervenire su un testo redazionale, può essere autorizzato a integrarlo e completarlo (apponendo poi la propria firma) oppure può redigere il testo ex novo (la scelta è a totale discrezione dell'interessato).
Un testo già firmato da un autore può essere, se necessario, integrato e modificato da un altro autore (che co-firma il risultato finale) ma solo previo il consenso scritto del primo autore.
Fatta salvo l'ampia possibilità di modifiche e integrazioni, nelle modalità sopra descritte, un testo pubblicato su "Storia della Campania" non può assolutamente in nessun caso esserne rimosso per decisione unilaterale dell'autore/degli autori o del comitato editoriale.
Gli autori dei contributi proposti per la pubblicazione su "Storia della Campania" sono tenuti a inviare testi di loro esclusiva paternità e liberi da copyright (anche nei loro allegati, per es. immagini) e si assumono la responsabilità di eventuali inadempienze. Il comitato editoriale è vincolato alle disposizioni di legge in vigore in materia di diffamazione, violazione del copyright e plagio e, in ottemperanza a tali disposizioni, si impegna ad effettuare ogni verifica necessaria e possibile sui testi ricevuti.
Gli autori mantengono il copyright dei testi da loro pubblicati e sono lasciati liberi di rielaborarli e ripubblicarli in altre sedi editoriali (si richiede soltanto loro la cortesia di indicare, all'atto di eventuali nuove pubblicazioni, che si tratta di riproposizioni/rielaborazioni di testi già pubblicati su "Storia della Campania", con gli opportuni riferimenti bibliografici).

PAGE CREATED BY DANIELE SANTARELLI | STORIADELLACAMPANIA.IT © 2019

et tamen e summo, quasi fulmen, deicit ictos
invidia inter dum contemptim in Tartara taetra
invidia quoniam ceu fulmine summa vaporant
plerumque et quae sunt aliis magis edita cumque

[Lucretius, De rerum natura, lib. V]

CLORI%20Botticelli%20header%203.jpg
The content of this website is licensed under Creative Commons Attribution 4.0 International (CC BY 4.0) License